Giochi d’azzardo

La vita è un esempio molto valido. Mi alzo di mattina e vado a prendere il treno. E’ un gioco d’azzardo puro, perché a volte capita che quello mio, del 8:33 viene soppresso; per essere sincero non troppo spesso. Il ritardo è al ordine del giorno. A volte anche pochi minuti, ma io devo prendere un altro treno. Quelli pochi minuti a volte me lo fanno perdere. Capita anche che viene in orario. Dopo, arrivato in ufficio, temo l’umore del capo. Oggi avrà un atteggiamento ostile, oppure sarà tranquillo? Un puro l’azzardo è andare a chiedergli le ferie. A me servono perché la settimana prossima vorrei andare a fare una settimana bianca. Ho già prenotato tutto e comunicato un mese fa la mia intenzione; perciò non dovrebbero esserci dei problemi. E in effetti, fino ad oggi non mi sono mai state negate le vacanze, ma finché arriva un ‘Sì’ finale, sudi. Il tizio fa tutto per farti pesare la vacanza, come se lasciassi l’ufficio in modo incosciente, senza tuo contributo, fregandosi dalla società. E io non ho coraggio di dirgli che lavoro soltanto per i soldi e che la Gloria non è il mio tipo.

Ultimamente è a rischio anche l’attesa per il capodanno. Te lo fanno arrivare in anticipo. Ti viene sempre più spesso la domanda: e di chi posso fidarmi in questa società moderna, tecnologica, su molti aspetti ogni giorno più ingiusta. Devi dimenticare, divertirti per non pensare alla cose pesanti. E così, qualche mese fa ho aperto un conto tramite casinò online in uno dei posti dove il gioco d’azzardo è quello che ti aspetti davvero. Metti i tuoi soldi e speri che quelli si moltiplicano, sapendo benissimo che possono anche sparire: almeno hai la certezza dell’incertezza. Provare per dimenticare, per divertirsi, per trovare un po’ di adrenalina che tiri su i tuoi processi chimici interni. Anzi, se la tua immaginazione e forte ed il tuo pensiero sfacciato, puoi pensare che tu fai correre il rischio al casinò di perdere i soldi, magari tantissimi. Le bische online tremano quando vedono il tuo nome comparire nel sistema. Sei un giustiziere case da gioco online.

Ma questa operazione riporta non soltanto il brivido di gioco, ma anche altro tipo di tremito, l’altro azzardo ricorrente: la moglie. Gioco per rilassarmi, per riposare la testa di tutti quelli pensieri neri che mi avvolgono durante il giorno. Se vado al letto con loro, l’incubo prosegue e non riesco a dormire bene. Rimorsi per le azioni, o non azioni della giornata che sta finendo, preoccupazioni per come andrà la giornata di domani… Pertanto due giri alla roulette, qualche mano con video poker e blackjack e dopo tanti clic sul bottone delle slot machine. Così dopo, sdraiato nel letto, mi continuano a girare le ruote con la frutta, con gli dinosauri e vari simboli geometrici, e questi mi porta nella profondità del sonno in modo piacevole e veloce.

Così, quando tutti sono sotto le coperte, io mi ritiro nel mio stanzino, accendo il mio calcolatore elettronico mi logo in casinò online ed inizio a giocare. A volte fino a tardi, con il rischio di non svegliarmi in tempo domani mattina. Una notte mia dolce metà aveva mal di stomaco e si è alzata. Ha deciso di farmi una visita. Era molto silenziosa e non me ne sono nemmeno accorto quando è entrata. Sono girato con la schiena verso la porta e così chi entra vede subito cosa c’è su monitor. Lei non è stupida ed è partita subito la domanda: ma tu giochi nel casinò online?

Mentre sentivo la voce, un tremore passava per il mio corpo ed il mio cervello in pieno panico cercava una risposta valida. Sì, cara, ma questo e tutto gratis. Si gioca senza soldi, con denaro virtuale che ti regalano. E’ soltanto per rilassarmi, per divertirmi un po’ prima di andare a dormire. Altri dieci minuti di domande scomode, ma il primo impatto avevo assorbito bene e alla fine è andata tutta liscia. Siamo andati insieme nel nostro covo e non riuscivo ad addormentarmi perché pensavo al rischio che avevo appena corso. Ero piuttosto arrabbiato con me stesso perché avevo detto una bugia e non avevo attributi di affermare come stanno le cose. Guadagno bene e gioco poco. Mai perso più di una ventina di euro in un giorno. Il peggior mese mi a portato via circa 140 euro, un importo che mi posso permettere di perdere senza battere l’occhio: non ha alcuna influenza sul nostro bilancio domestico. E a volte anche vinco, sempre poco, ma vinco. E perché non ho coraggio a dire cosa sto facendo: ho tutto il diritto per dormire sogni tranquilli?

Per la paura della sua reazione. Riesco o sopportare tanto, specialmente per la pace in casa, ma a volte lei esagera e continua le sue elucubrazioni per giorni. Il mio limite di sopportazione e di sofferenza è alto e così lei si incoraggia a proseguire, finché a me non esplode. E quando esplodo io è gioco d’azzardo: non sai mai cosa succederà. Se la palina si fermerà sullo zero, oppure sul diciassette.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.